Posted on: 4 Dicembre 2020 Posted by: Redazione Comments: 0

La Cupola della Roccia, in arabo Qibbat Al Sakhra, è uno splendido edificio costruito dal califfo Abd al-Malik tra il 685 e il 705 nella città di Gerusalemme. Sorge quasi al centro della Spianata del Tempio, Haram al-Sharif, l’antico sito dove fu edificato il tempio di Salomone, distrutto dai babilonesi e poi ricostruito come Secondo Tempio, o Tempio di Erode, a sua volta distrutto dai Romani durante la conquista di Gerusalemme nel 70 d.C.

La Cupola è costruita intorno ad una roccia considerata sacra dalle tre religioni monoteiste: secondo la tradizione ebraica e cristiana, è la roccia dove Abramo avrebbe dovuto sacrificare il figlio Isacco per volere di Dio; per i musulmani è anche il luogo dal quale il profeta Maometto iniziò il suo viaggio, la sua ascesa attraverso i cieli e fino al paradiso, in sella alla sua cavalcatura metà cavallo e metà donna. 

Sezione verticale della Cupola della Roccia

La Cupola, costruita sul modello del Santo Sepolcro, ha struttura ottagonale con un diametro di circa 20 metri e un’altezza di 35. L’interno presenta ricche decorazioni musive in stile bizantino, con motivi floreali, corone, gioielli e iscrizioni in arabo. Sono assenti rappresentazioni di figure umane.

Pur essendo un edificio rivolto a tutte e tre le Genti del Libro ovvero le genti di fede ebraica, cristiana e islamica, la cupola è un monumento trionfale che celebra il potere del califfo e la nascita della religione del nuovo stato islamico, come ultima e unica religione monoteista.

Alcuni studiosi sostengono che il racconto contenuto nel Corano dell’ascensione del profeta Muhammad (Sure XVII:1, LIII:1-12 e LXXXI:19-25), avrebbe ispirato Dante, il sommo poeta, per la sua Divina Commedia.

 Pamela Stracci ©

 

Andrew Shiva / Wikipedia - Esterno parziale dell'edificio

Leave a Comment