Nome e cognome

ALESSANDRO DI MARIANO DI VANNI FILIPEPI

Pseudonimo/nome d’arte

Sandro Botticelli

Data e luogo di nascita e morte

Firenze 1 marzo 1445 – Firenze 17 maggio 1510

Periodi di attività

Fase giovanile dal 1465 al 1474

Prima fase medicea dal 1475 al 1481

Roma dal 1481 al 1482

Seconda fase Medicea dal 1482 al 1487

Ultima fase, crisi dal 1488 al 1502

Luoghi di attività

Italia, Firenze e zone limitrofe, Prato, Roma, Pisa, Volterra

Corrente pittorica

Rinascimento Italiano

Cenni biografici

Ricevette un primo avviamento all’attività artistica nella bottega del fratello Antonio, orefice di professione. Poi svolse apprendistato nella bottega di Filippo Lippi con cui lavorò, insieme ad altri allievi, su alcuni affreschi a Prato. Poi seguì probabilmente   gli insegnamenti del Verrocchio. Nel 1469 svolge la sua attività lavorativa sa solo e dopo la morte del suo primo maestro, Lippi, il Botticelli mise una bottega per conto proprio. Alla morte di Filippo Lippi prese con se a bottega il figlio Filippino Lippi che ben presto divenne il suo promo collaboratore. Fu profondamente influenzato dalle teorie neoplatoniche. Fu al servizio dei Medici creando, sotto la loro protezione e influenza, opere di grandissimo pregio. In una sorta di scambio culturale fu inviato a Roma dove affrescò la Cappella Sistina. Tornerà successivamente a Firenze grazie a nuove commissioni medicee. Negli ultimi anni della sua vita patì una forte crisi interiore che lo portarono a rinnegare quello stile che aveva caratterizzato l’unicità della sua arte nel panorama rinascimentale italiano.

Cenni stilistici

La sua arte si è evoluta nel tempo con tratti comuni costanti. E’ caratterizzata da un accentuato linearismo che conferisce comunque movimento alle figure, scandite da una chiara concezione matematica del disegno e dai contorni ben definiti. Negli sfondi sono evidenti i riferimenti sia a temi architettonici, che sembrano in alcune opere incorniciare le figure che a soggetti naturalistici. Le figure che propone sono raffinate e solenni pur se velatamente malinconiche e chiaramente predominanti rispetto allo sfondo.

Galleria d'immagini (clicca per ingrandire)