Posted on: 22 Aprile 2021 Posted by: Redazione Comments: 0

Dal 1970 ogni anno, un mese e un giorno dopo l’equinozio di primavera, in tutto il mondo si celebra la Giornata della Terra, un evento che nasce negli Stati Uniti con il nome di Earth Day a salvaguardia del pianeta e delle molteplici questioni ambientali.  

Erano gli anni del presidente Kennedy, gli anni in cui imperversava la guerra del Vietnam e tutto il mondo giovanile studentesco era in fermento contro ogni sorta di conflitto e relativi disastri ambientali. Nel 1969 in California avvenne poi una catastrofe senza precedenti: la fuoriuscita incontrollata di petrolio dal pozzo della Union Oil al largo di Santa Barbara a 8 chilometri dalla costa che durò 11 giorni. Le acque dell’oceano divennero una macabra coltre oleosa, nera e appiccicosa che, sotto lo sguardo atterrito degli spettatori in lacrime, uccise decine di migliaia di uccelli, di leoni marini e delfini e di ogni forma vivente: una vera e propria apocalisse.

Il senatore statunitense Gaylord Nelson, che da sempre aveva a cuore le problematiche ambientali, decise che era giunta l’ora di attivarsi per  risvegliare l’opinione pubblica e tutto il mondo politico. In nome del diritto che ogni persona ha di vivere in un mondo sano, equilibrato e sostenibile iniziò una serie di manifestazioni e congressi, e il suo accorato grido di “aiuto” fu accolto da gran parte del mondo politico, il senatore Robert F. Kennedy, fratello del Presidente John F. Kennedy,  appoggiando questa iniziativa, partecipò ad una serie di conferenze dedicate all’ambiente in ben 11 Stati americani, contribuendo a scuotere l’opinione pubblica. Era necessaria, urgente e fondamentale una immediata regolamentazione in merito.

Nasce così l’Earth Day che coinvolgerà un miliardo di persone in tutto il pianeta per combattere ogni forma di guerra distruttiva, contro l’inquinamento da combustibili e da quello delle fabbriche e delle centrali elettriche; contro i  pesticidi, i rifiuti tossici e la distruzione di habitat per flora e fauna, a protezione delle specie animali che sono in estinzione. Dal 2007 anche l’Italia partecipa alla Giornata Mondiale della Terra con campagne di sensibilizzazioni, progetti e obiettivi a salvaguardia del nostro pianeta nel rispetto della natura e dei suoi valori. Quest’anno in concomitanza con la Giornata della Terra, il Parco della Maiella diventerà il Majella Geopark, Geoparco Mondiale Unesco.

© Ambra Frezza

Fonti iconografiche di pubblico dominio: pixabay.com