BANDO DI PARTECIPAZIONE E REGOLAMENTO

 

SCADENZA DI PARTECIPAZIONE PROROGATA AL 27 APRILE 2022

 

Art. 1 – Destinatari dell’evento

Il concorso d’arte e scrittura  “SEGNI DI PACE – L’arte contro la guerra”, organizzato da A.C. Quia, è aperto a tutti.

Art 2 Discipline ammesse, numero di opere

          Pittura, fotografia d’arte, arte digitale e tecniche grafiche, disegno, rilievo e scultura, mosaico

          Poesia inedita (lunghezza massima: 30 righe)

Ogni partecipante può presentare 1 (una) opera.

Art. 3 –Tema del concorso

Il concorso intende raccogliere opere capaci di sensibilizzare e portare a una riflessione sugli orrori della guerra e sui modi di costruzione della pace.

Non sono ammesse opere il cui contenuto e/o messaggio sia ritenuto dalla commissione artistica volgare, offensivo, discriminatorio e/o irridente delle differenze personali, culturali, di genere, religiose ecc., di incitamento alla violenza e/o all’odio, di propaganda.

Art.  4 – Cosa comprende il contributo di partecipazione

Ogni partecipante riceverà:

1.       attestato di partecipazione con menzione di “Ambasciatore Quia per la Pace

2.   Pubblicazione delle opere nel volume “SEGNI DI PACE – l’arte contro la guerra” edito da Quia Edizioni

3.   Partecipazione alla mostra virtuale “SEGNI DI PACE”

4.       Una copia omaggio del volume cartaceo “SEGNI DI PACE”.

Art. 5 – Contributo di partecipazione

Il contributo di partecipazione al concorso è fissato in €15,00.

Il contributo di partecipazione, al netto delle spese di organizzazione, sarà devoluto per la crisi umanitaria in Ucraina, attraverso l’acquisto di beni di prima necessità e cibo che saranno consegnati all’Associazione Culturale degli Ucraini in Alto Adige “Soniashnyck” (Campagna di raccolta sostenuta dal Comune di Bolzano).

Art. 6 – Realizzazione del concorso e riconoscimenti

La commissione artistica di Quia decreterà il vincitore tramite votazione.

Il vincitore del concorso riceverà: attestato di primo classificato e critica d’arte sull’opera vincitrice, a cura del Dott. Moreno Stracci, Storico e critico d’arte.

Aggiornamento: I vincitori passano da 1 a 2 (uno per la sezione: arti figurative, una per la sezione: poesia) (nota del 27/04/2022)

Il concorso prevede la realizzazione della mostra collettiva virtuale “SEGNI DI PACE”, pubblicata sul portale d’arte quiamagazine.it e sui canali Quia.

Aggiornamento: Alla mostra virtuale, si accosta la mostra in presenza (le informazioni per l’esposizione delle opere saranno comunicate via email agli artisti partecipanti al concorso) (nota del 27/04/2022)

Il vincitore sarà decretato il giorno 29 aprile 2022. 

Aggiornamento: LA PROCLAMAZIONE DEI VINCITORI E’ IN VIA DI DEFINIZIONE, CAUSA PROROGA SCADENZA CONCORSO. SARA’ COMUNICATA A BREVE (nota del: 29/04/2022)

Art. 7 – Modalità di partecipazione al concorso

I partecipanti potranno presentare la loro adesione entro il 20 aprile 2022. PROROGATO AL 27 aprile.

1.       Effettuare il versamento del contributo di €15,00 tramite bonifico su:

Conto intestato al legale rappresentante di A.C. Quia: MORENO STRACCI

IBAN: IT62I 3608 1051 3826 5464 9654 91 (Copia e incolla IBAN:  IT62I3608105138265464965491  )

Con causale: “ UCRAINA” + NOME ARTISTA PARTECIPANTE

 

2.       Inviare un’email all’indirizzo:   concorsi@quiamagazine.it

L’email dovrà contenere:

NOME E COGNOME DEL PARTECIPANTE e:

Per opere di Pittura, fotografia d’arte, arte digitale e tecniche grafiche, disegno, rilievo e scultura, mosaico:

– FOTOGRAFIA DELL’OPERA (definizione min. 300dpi)

– Informazioni tecniche sull’opera (titolo, anno di realizzazione, tecnica e supporto, dimensioni)

Per opere di Poesia (INEDITA max. 30 righe):

– FILE WORD dell’opera (no .pdf)

– Informazioni tecniche (titolo, anno di realizzazione)

 

Art. 8 – Proprietà intellettuale delle opere

Partecipando al concorso l’artista dichiara sotto la propria responsabilità di essere il creatore dell’opera presentata e di possedere tutti i diritti necessari alla sua esposizione e pubblicazione. L’associazione Quia non si assume nessuna responsabilità in caso di dichiarazioni false o mendaci.

Art. 9 – Pubblicazione del catalogo

Le opere di cui al presente bando saranno inserite nel volume “SEGNI DI PACE – L’arte contro la guerra”, pubblicato in formato cartaceo da Quia Edizioni di Associazione culturale Quia. Il catalogo sarà fornito di codice ISBN (Una copia omaggio sarà inviata a ogni partecipante). I ricavi derivanti dalla vendita del volume saranno devoluti, al netto dei costi, alla crisi umanitaria in Ucraina, così come i contributi di partecipazione, vedi articolo 5).

Art. 10 – Privacy e norme finali

Ciascun candidato autorizza espressamente l’Associazione Culturale QUIA, a trattare i dati personali trasmessi ai sensi della legge 675/96 (”legge sulla Privacy”) e successive modifiche D.lgs.196/2003 (codice Privacy). Ogni partecipante all’evento concede in maniera gratuita, all’Associazione Culturale QUIA i diritti di riproduzione delle opere e dei testi ammessi al concorso, ai fini della manifestazione: per la pubblicazione dell’evento sul portale www.quiamagazine.it e sui social di Quia, e del catalogo, per le altre forme di comunicazione e promozione dell’evento. Gli organizzatori dell’evento avranno diritto di decisione finale sull’ammissione delle opere e su tutto quanto non specificato nel presente bando. L’organizzazione si riserva il diritto di apportare variazioni al bando qualora se ne presenti la necessità, in tal caso ne sarà data tempestiva comunicazione. Associazione Quia si riserva la facoltà di annullare o rinviare l’evento per motivi organizzativi. In caso di annullamento, i contributi di partecipazione saranno rimborsati.

 

L’adesione e la partecipazione alla manifestazione implica l’accettazione incondizionata di tutti gli articoli del presente bando.

 

Bolzano, 28 marzo 2022

Dott. Moreno Stracci

Presidente A.C. Quia

“Vittima non è solo chi perde la vita. Vittima è chi soccombe all’altrui inganno e prepotenza, subendo una sopraffazione, un danno, o venendo comunque perseguitato e oppresso (Treccani), morendo dunque nell’anima, nello spirito, nei sogni, nel futuro, nella speranza, nella sicurezza, nella libertà. Mi auguro un’ampia adesione.” Moreno Stracci, Presidente Associazione QUIA.

Non sei un artista o vuoi dare un ulteriore contributo all’Emergenza Umanitaria in Ucraina? Prenota ora la tua copia del libro:

“SEGNI DI PACE”

Antologia d’arte e poesia contemporanee

I PROVENTI SARANNO DONATI PER L’EMERGENZA UCRAINA 

Clicca sull’immagina per saperne di più.