Intelligenza Artificiale, tra nuovi traguardi e etica

Intelligenza Artificiale, tra nuovi traguardi e etica

di Fabio Morelli

L’Intelligenza Artificiale (IA) – o artificial intelligence (AI) – è una delle tecnologie più rivoluzionarie e in rapida evoluzione del nostro tempo, ma come funziona davvero questa forma avanzata di intelligenza sintetica? In questo articolo, esploreremo il nucleo dell’IA, i suoi principi fondamentali e le applicazioni che stanno trasformando il modo in cui interagiamo con la tecnologia. 

L’IA è alimentata da algoritmi complessi che consentono ai sistemi di apprendere dai dati e migliorare le proprie prestazioni nel tempo. Questo processo di apprendimento automatico è fondamentale per l’evoluzione dell’IA. Alcune delle tecniche più comuni includono il machine learning supervisionato e non supervisionato, la rete neurale artificiale e l’apprendimento profondo. Facciamo un po’ di chiarezza.

Cosa significa Algoritmo, Machine Learning, reti neuronali e Apprendimento Profondo? Il machine learning è una branca chiave dell’IA, dove i modelli sono addestrati per eseguire compiti specifici e una volta addestrati per quei compiti possono autonomamente ottimizzarsi per migliorare. Facciamo un esempio. Immaginate di dover addestrare una IA a riconoscere i gatti in una foto. Verranno raccolte grandi quantità di dati contenenti le immagini di gatti così da insegnare alla AI a riconoscerli. Utilizzando degli algoritmi specifici il modello di IA imparerà a riconoscere le caratteristiche distintive di un gatto. Dopo l’addestramento, l’IA sarà in grado non solo di riconoscere i gatti delle foto iniziali ma anche quelli di nuove immagini migliorando il suo apprendimento.

L’apprendimento profondo, a sua volta, è una forma avanzata di machine learning che utilizza reti neurali artificiali per analizzare dati complessi. Queste reti, ispirate al funzionamento del cervello umano, sono un modello di apprendimento automatico in grado di imparare rappresentazioni sempre più sofisticate.

Gli algoritmi di apprendimento automatico sono il cuore pulsante dell’IA e rappresentano tutte quelle procedure e istruzioni che possono essere eseguite per risolvere un problema. Essi analizzano enormi quantità di dati, rilevano modelli e fanno previsioni o compiono azioni senza essere specificamente programmati per eseguirle. Ciò consente ai sistemi di migliorare le proprie prestazioni con l’esperienza.

Applicazioni Pratiche dell’IA: L’IA è alla base di numerose applicazioni che impattano la nostra vita quotidiana. Dai sistemi di preferenze che suggeriscono agli utenti contenuti o prodotti online che potrebbero essere di loro  interesse alle auto autonome, dall’assistente virtuale ai servizi di riconoscimento e traduzione automatica, l’IA è sempre più integrata nei dispositivi e nelle piattaforme che usiamo abitualmente. Quando pensiamo alla IA quindi non dobbiamo solo considerare i robot senzienti o i modelli di linguaggio che sono al centro dell’attuale dibattito. 

L’Intelligenza Artificiale ci accompagna da molto più tempo di quello che pensiamo: un esempio tra tutti? L’informatico statunitense Arthur Samuel insegnò al programma a giocare a dama, sviluppando il famoso videogioco “Checkers”, dama per l’appunto: erano gli anni ’50 del secolo passato.

Sfide e Considerazioni Etiche: Nonostante i notevoli progressi, l’IA presenta sfide significative. La trasparenza, la sicurezza e le questioni etiche sorgono quando si tratta di implementare questa tecnologia. La comunità globale sta lavorando per affrontare tali sfide, sviluppando linee guida e regolamentazioni per garantire un utilizzo responsabile dell’IA.

Il Futuro dell’IA: Il futuro dell’IA si preannuncia entusiasmante, con prospettive di crescita in settori come la sanità, l’educazione, la ricerca scientifica e molto altro ancora. L’IA continuerà a migliorare la nostra efficienza, risolvere problemi complessi e aprirà nuove possibilità inesplorate per migliorare la vita delle persone. Pensiamo alla diagnosi medica e all’analisi dei dati sanitari, ai sistemi di guida autonoma e alla ottimizzazione del traffico, alla ottimizzazione del controllo qualità alla manutenzione predittiva delle apparecchiature, dai sistemi di comunicazione per i diversamente abili alle protesi robotiche avanzate tanto per dirne alcune. Ma l’IA sarà una minaccia al lavoro umano? Tutto dipende da cosa ci aspettiamo dal futuro: la riduzione dei lavori di routine e pericolosi ma anche la riduzione dell’orario di lavoro, bilanciati da redditi di base universali sarebbero un buon compromesso per scardinare l’idea che il lavoro deve essere totalizzante sulla vita di una persona mentre dovrebbe lasciare spazio per il tempo libero da dedicare alla famiglia, ai rapporti sociali e agli hobbies.

Una diversa prospettiva che per noi oggi è utopia sociale alla “Star Trek” che non siamo in grado di apprezzare, ma che saranno sicuramente in grado di sfruttare i nostri figli e nipoti, la generazione Z  e la generazione Alfa quando raggiungeranno quel livello avanzato di sviluppo tecnologico, economico e sociale, che eliminerà molti dei problemi che affliggono la società contemporanea.

L’Intelligenza Artificiale è una forza motrice di cambiamento che modellerà il nostro mondo in maniera straordinaria. Capire come funziona è fondamentale per sfruttare appieno il suo potenziale, garantendo al contempo un utilizzo etico e responsabile di questa potente tecnologia.

© Riproduzione riservata

QUIA MAGAZINE CLUB   Febbraio 2024   -   QUIA MAGAZINE È disponibile il numero di febbraio 2024     -     pubblicato l'articolo (con reportage) Italo Calvino, lo sguardo dell'archeologo alla Nazionale di Roma    -    pubblicato il podcast di Kansha La bellezza effimera, apprezzare ogni momento    -    pubblicato l'audioarticolo L'esperimento di Standford sul comportamento umano    -   pubblicato l'articolo Joseph Joachim Raff: il compositore dimenticato     -    pubblicato l'audioarticolo B.B. King: il Re del Blues     -    pubblicata la prima parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio    -    disponibile per il Quia Club la seconda lezione del Corso di introduzione alla scrittura giornalistica: Unità 2 Quando un fatto diventa notizia, l'articolo di giornale