Il vestito di Babbo Natale: dal verde al rosso

Il vestito di Babbo Natale: dal verde al rosso

di Ambra Frezza

Il mondo che viviamo è inevitabilmente plasmato dal passato. Così nascono le tradizioni, cose che facciamo, riti che perpetuiamo di cui abbiamo però perso la memoria storica Scopriamo perché il vestito di Babbo Natale è diventato rosso.

La leggenda di Babbo Natale è legata alla storia di San Nicola Vescovo di Myra, una città della Turchia, vissuto tra il III e il IV secolo d.C. noto anche come San Nicola di Bari poiché, dopo la sua morte avvenuta a Myra il 6 dicembre del 343, parte delle sue reliquie furono trafugate e portate in Italia nella Basilica di San Nicola a Bari. Durante la sua vita San Nicola fu molto prodigo nell’aiutare i bambini poveri a cui era legato da un affetto profondo e nelle fredde notti d’inverno, per alleviare le pene di questi poveri bisognosi, portava loro doni e cibo a volte calandoli anche nelle cappe dei camini.

Per la sua immensa generosità molti sono i miracoli attribuiti al santo che ha dato origine alla storia di Babbo Natale.

Se pensiamo a Babbo Natale ci viene subito in mente la figura di un nonnino paffuto e gioioso che indossa un abito rosso bordato di bianco ma forse non tutti sanno che non è sempre stato così. Infatti nel corso dei secoli, di leggenda in leggenda, il simpatico vecchietto dalla folta barba amico e protettore dei bambini ha cambiato il suo aspetto diverse volte.

La prima rappresentazione di Babbo Natale infatti viene attribuita proprio a San Nicola che vestito di bianco e oro portava i doni ai bambini tra la notte del 5 e del 6 dicembre.

Nella mitologia scandinava invece, la figura di Babbo Natale si identifica in un “divino cacciatore” vestito con abiti marroni e un pesante cappello di pelliccia scura. 

Jaroslav Čermák (1831 - 1878) - St. Nicholas

Allo scrittore Charles Dickens, nel 1843 con il suo capolavoro “Canto di Natale”, spetta il merito di aver reso nota la figura di Santa Claus vestito di verde, come rappresentato dalle illustrazioni di John Leech (foto a destra). Da allora e per tantissimi anni Babbo Natale venne raffigurato come un uomo alto e snello coperto da un lungo cappotto verde bordato da una candida pelliccia bianca. 

Ma il colore definitivo del vestito di Babbo Natale, cioè rosso, va attribuito alla famosa marca di bibita che tutti conosciamo cioè alla Coca Cola Company, che negli anni ‘30 decide di lanciare una nuova pubblicità per promuovere la sua bibita durante le festività natalizie. Affida il compito all’illustratore Haddon Sundblom che con genialità e acuaztezza decide di usare come protagonista del suo spot proprio Babbo Natale trasformandolo in un simpatico e grassoccio vecchietto dalla folta barba bianca e dalla risata inconfondibile vestito con un abito rosso e bianco come i colori della Coca Cola: lo stesso vestito che indossa ancor oggi conosciuto da grandi e piccini. 

OH! OH! OH!
Buon Natale!

© Riproduzione riservata

QUIA MAGAZINE CLUB   Febbraio 2024   -   QUIA MAGAZINE È disponibile il numero di febbraio 2024     -     pubblicato l'articolo (con reportage) Italo Calvino, lo sguardo dell'archeologo alla Nazionale di Roma    -    pubblicato il podcast di Kansha La bellezza effimera, apprezzare ogni momento    -    pubblicato l'audioarticolo L'esperimento di Standford sul comportamento umano    -   pubblicato l'articolo Joseph Joachim Raff: il compositore dimenticato     -    pubblicato l'audioarticolo B.B. King: il Re del Blues     -    pubblicata la prima parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio    -    disponibile per il Quia Club la seconda lezione del Corso di introduzione alla scrittura giornalistica: Unità 2 Quando un fatto diventa notizia, l'articolo di giornale