Uova: come leggere l’etichetta

Uova: come leggere l’etichetta

L’uovo è un alimento completo e prezioso, ricco di proteine, vitamina D, vitamina A e vitamina B12 che non può mancare in cucina e nella nostra dieta. Ma come si fa a leggere e conoscere l’etichetta impressa sulle confezioni del supermercato?

Non solo la data di scadenza, ma sull’etichetta e sui gusci delle uova stesse, sono contenute tutta una serie di informazioni utili per un acquisto e un uso consapevole del prodotto. Entriamo nel dettaglio.

Che caratteristiche hanno le uova del supermercato?

Le uova sono suddivise per categoria (indicato con un codice alfabetico), per tipologia dell’allevamento (indicato con un codice numerico), e per misura o calibro.

Le uova sono classificate in base a 3 categorie + 1 (la A extra) di freschezza:

– Categoria A extra, uova freschissime non trattate e non refrigerate, consegnate giornalmente al punto di imballaggio e commercializzate entro il nono giorno dalla deposizione o il settimo giorno dall’imballaggio

– Categoria A, uova fresche di prima qualità, non trattate e non refrigerate che devono essere consumate entro 28 giorni dalla data di deposizione

– Categoria B, uova di seconda qualità o conservate

– Categoria C, uova declassate, destinate esclusivamente all’industria alimentare

In base al tipo di allevamento in cui vengono prodotte, le uova sono munite di un codice numerico:

0 – uova da allevamento biologico

1 – uova da galline allevate all’aperto con una densità di una gallina per 2,5 metri quadrati, mangimi biologici e allevamento generalmente in terreno naturale e all’aperto.

2 – uova da galline allevate a terra con una densità di sette galline per un metro quadro, allevate per alcune ore all’aperto, con deposizione sulla terra o nei nidi

3 – uova da galline in gabbia con una densità di 25 galline per un metro quadro, che depongono le uova in batteria e direttamente nel macchinario di raccolta

© 2024 Quia Magazine

Quanto è grande un uovo? 

Le uova vengono suddivise anche in base al calibro in:

XL Grandissime: 73 g e più
L Grandi: di 63 g e più ma inferiori a 73 g
M Medie: di 53 g e più ma inferiori a 63 g
S Piccole: meno di 52 g

Come capire se un uovo è fresco

Può succede che si butti il pacco in cui sono contenute le uova, magari per riporle nell’apposito spazio del frigo e che un uovo abbia l’etichettatura non più visibile. Come fare per capire quanto è fresco e se usarlo? Basta riempire un bicchiere, abbastanza capiente da accogliere l’uovo, d’acqua corrente e porci dentro l’uovo. All’interno dell’uovo è presente una camera d’aria che con il passare dei giorni si allarga facendolo galleggiare più o meno, questo perché l’aria passa attraverso i forellini del guscio poroso. Allora se l’uovo affonda è freschissimo, se si solleva dritto dal fondo è di qualche giorno ma se galleggia è guasto, meglio non usarlo.

Abbiamo parlato già in altri articoli di questo incredibile organismo e del suo importante ruolo nell’ecosistema: scopriamo adesso le proprietà e le caratteristiche dei funghi commestibili dal punto di vista nutrizionale.

© Riproduzione riservata

QUIA MAGAZINE CLUB   Aprile 2024 - QUIA MAGAZINE sfoglia la rivista -  pubblicato l'articolo Oltre la tela: la Lowbrow Art -  pubblicato il podcast Shakespeare, il mistero dello sua scrittura  -   pubblicata la terza parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio