A tutto Sanremo 74esima edizione: tiriamo le somme

A tutto Sanremo 74esima edizione: tiriamo le somme

di Pamela Stracci

Dal 6 febbraio al 10 febbraio, in prima serata su RAI1, torna l’atteso appuntamento canoro e musicale italiano, il Festival di Sanremo alla sua 74esima edizione. La kermesse famosa in tutto il mondo sarà condotta sempre dal brillante Amadeus. 

La quinta e ultima serata del Festival si chiude con il 74,1% di share e oltre 14 milioni di spettatori. Amadeus batte Amadeus: se la prima edizione condotta da Amadeus nel 2020 si era chiusa con una media del 54,78% di share, quella di ieri “È la miglior serata finale dal 1995” come riporta il sito Rai News.

Amadeus lancia un programma di ospiti e canzoni che non poteva che tener incollati alla tv tutti gli italiani – anche gli anti-sanremo – e chiude la manifestazione con oltre 60 milioni di euro di introiti pubblicitari a fronte di 20 milioni di euro di spese.

Amadeus si conferma uno di famiglia per tutti gli italiani e lo è stato anche durante il Festival dove è riuscito a tenere alta e costante l’attenzione del pubblico che lo ha seguito con fervore tutte e cinque le serate, fino a notte fonda, con professionalità ma senza montarsi la testa. Amadeus anche quest’anno abbandona la valletta tanto in voga fino a poche edizioni fa e conferma la moglie Giovanna e il figlio in prima fila in sala all’Ariston. 

La performance di Roberto Bolle con i 18 ballerini del Béjart Ballet di Losanna sulle note del Bolero di Ravel è un vero momento culturale: la prima volta che questa coreografia è stata trasmessa in televisione in Italia, da brividi. Poi il ritorno di una commossa Gigliola Cinquetti che, per chi segue Sanremo da tanti anni, è stata una vera chicca.

Poi, finalmente, il vero Fiorello, padrone del palcoscenico dell’Ariston, che si conferma incontrastato showman della serata, brilante, sempre pronto, divertente, e spiritoso senza cadere nel banale ma anche imbarazzato e dolce con la sua famiglia. Fiorello arrangiato nei siparietti fuori dal teatro ci è piaciuto meno perchè non ha potuto esplodere in tutta la sua bravura. Successo anche per la performance di Rosario con il gruppo di ballo Light Balance sull’inedito mash-up tra Domenico Modugno e Michael Jackson.

Il dopo Amadeus

Amadeus non condurrà la prossima edizione del Festival “Sento il bisogno di fermarmi”, questo quanto dichiarato dal conduttore, “sento che ci dobbiamo fermare e pensare ad altro, ad altre idee, altre sfide, altre scommesse”. C‘è già chi ipotizza il suo successore: Cattelan, Carlo Conti già conduttore del Festival dal 2015 al 2017, o Bonolis anche lui già conduttore del Festival. 

Per noi di Quia Magazine ancora un Festival targato Amadeus sarebbe di sicuro successo, con quel mix di brani classici ma sopratutto radiofonici, ma se proprio non sarà lui a cavalcare la prossima edizione, ci piacerebbe vedere una conduzione al femminile con una energica Lorella Cuccarini e la Mara Venier nazionale con la sua ventata di positivismo (e poi Domenica in?). 

Rimaniamo in attesa che gli “sposini”, Amadeus e Fiorello, ritornino dal meritato break dopo la Favola di Sanremo: cosa decideranno?

 

La classifica finale e tutti i premi assegnati

Ricapitoliamo le classifiche provvisorie. Nella prima serata, le votazioni dei giornalisti della Sala Stampa hanno decretato una classifica provvisoria che ha visto al primo posto una energica Loredana Bertè con Pazza, a seguire Angelina Mango con La noia poi Annalisa con Sinceramente, Diodato con Ti muovi e infine un inedito Mahmood con Tuta gold. Nella seconda e terza sera, le votazioni sono state affidate al Televoto e la Giuria delle Radio: la classifica provvisoria della terza serata viene stravolta! Al primo posto Angelina Mango con La Noia, poi Ghali con Casa mia, a l terzo posto Alessandra Amoroso con Fino a qui, Il Tre con Fragili  e infine Mr. Rain con Due altanene.

Vittoria finale e per certi versi annunciata, per la giovanissima Angelina Mango che vince con La noia anche il Premio Giancarlo Bigazzi per la miglior composizione musicale e il Premio Lucio Dalla della Sala Stampa. A seguire Geolier con I p’me, tu p’te, al terzo Annalisa con Sinceramente, al quarto Ghali con Casa mia e al quinto Irama con Tu no.

A Loredana Bertè con la sua Pazza va il Premio della Critica Mia Martini con 54 voti su 119 totali dei giornalisti accreditati, confermando quella che era stata la classifica provvisoria della prima serata stilata dai Giornalisti della Sala Stampa.

A Fiorella Mannoia con Mariposa va il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo.

A Clara con Diamanti grezzi va il Premio Enzo Jannacci Nuovo Imaie 2024.

 

Questa è la classifica per tutti e 30 gli artisti in gara:

  1. Angelina Mango
  2. Geolier
  3. Annalisa
  4. Ghali
  5. Irama
  6. Mahmood
  7. Loredana Bertè
  8. Il Volo
  9. Alessandra Amoroso
  10. Alfa
  11. Gazzelle
  12. Il Tre
  13. Diodato
  14. Emma
  15. Fiorella Mannoia
  16. The Kolors
  17. Mr. Rain
  18. Santi Francesi
  19. Negramaro
  20. Dargen D’Amico
  21. Ricchi e Poveri
  22. BigMama
  23. Rose Villain
  24. Clara
  25. Renga e Nek
  26. Maninni
  27. La Sad
  28. BNKR44
  29. Sangiovanni
  30. Fred De Palma

© Riproduzione riservata

QUIA MAGAZINE CLUB   QUIA MAGAZINE sfoglia la rivista -  pubbicato il focus su L'amore di Dante per Beatrice nella lettura di un sonetto della Vita Nova - pubblicata la terza unità del Corso base di Scrittura Giornalistica - pubblicato l'articolo Oltre la tela: la Lowbrow Art -  pubblicato il podcast Shakespeare, il mistero della sua scrittura  -   pubblicata la terza parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio