JACQUES COUSTEAU: una vita per il mare

JACQUES COUSTEAU: una vita per il mare

È considerato una delle figure ancora più influenti nel campo dell’esplorazione subacquea e della conservazione degli oceani. Il suo lavoro ha ispirato generazioni di persone a comprendere, apprezzare e proteggere il mondo sottomarino e le sue bellezze.

Jacques-Yves Cousteau è nato il 11 giugno 1910 a Saint-André-de-Cubzac, nel sud della Francia. Ha studiato all’Accademia navale francese, l’École Navale, dove si laurea come ufficiale di marina cannoniere. Tuttavia, non era la guerra che interessava al giovane Jacques quanto l’amore per il mare che lo aveva fatto arruolare nella marina. 

A 26 anni inventa una sorta di occhiale stagno precursore delle attuali maschere subacquee. Durante la sua carriera, sviluppò altre innovazioni come l’aqualung, progettato con l’amico ingegnere Emile Gagnan: questo marchingegno era un dispositivo con un regolatore di pressione monostadio che consentiva di respirare l’aria stipata ad alta pressione all’interno di una bombola. L’aria arrivava poi alla bocca del sub tramite due grossi tubi corrugati: anche se non era affatto facile utilizzare questo apparecchio, di fatto con l’acqualung era nata la subacquea moderna! 

Nel 1963 con un altro amico ingegnere, Jean de Wouters, inventò la Calypso Phot, una cinepresa da 35mm funzionante fino a 60 metri di profondità, antenata della moderna macchina da ripresa subacquea. 

1959, Cousteau stavolta con l’ingegnere Jean Mollard, inventa il piccolo sottomarino biposto SP-350 Denise famoso come “il disco da immersione”, Soucoupe Plongeante, in grado di arrivare fino a 400 metri di profondità che veniva ammarato dalla barca di Jacques, la Calypso. 

Le Commandant, ha viaggiato in tutto il mondo per documentare la vita marina, i paesaggi sottomarini e le questioni ambientali. I suoi documentari, tra cui “Il mondo del silenzio” (The Silent World) del 1957, “Viaggi sul pianeta acqua” (Voyage au bout du monde) del 1970 e “Le avventure di Jacques Yves Cousteau” (The Under sea World of Jacques Cousteau) del 1974, che gli sono valsi anche tre premi Oscar e con i quali ha portato l’oceano nelle case di milioni di persone, educando e sensibilizzando sulle meraviglie del mare e sulla necessità di proteggerlo. Cousteau era un forte sostenitore della conservazione degli oceani e ha dedicato gran parte della sua vita alla protezione dell’ambiente marino.
Ha fondato l’organizzazione non-profit Cousteau Society, portata avanti dai suoi familiari dopo la sua morte nel1997, che si impegna per la conservazione degli oceani e delle risorse acquatiche.
Cousteau ha anche promosso l’importanza dell’educazione ambientale e ha lavorato per incoraggiare la consapevolezza e l’azione per la salvaguardia degli eco-sistemi marini.

 

Roberto Stracci

© Riproduzione riservata

Photo-video credits  

“Jacques Cousteau, Karsh” by fortinbras 

“Jacques-Yves Cousteau Signature” by Original: Jacques-Yves CousteauZen-epic 

“Jacques-Yves Cousteau – submarine” by larrywkoester

QUIA MAGAZINE CLUB   Febbraio 2024   -   QUIA MAGAZINE È disponibile il numero di febbraio 2024     -     pubblicato l'articolo (con reportage) Italo Calvino, lo sguardo dell'archeologo alla Nazionale di Roma    -    pubblicato il podcast di Kansha La bellezza effimera, apprezzare ogni momento    -    pubblicato l'audioarticolo L'esperimento di Standford sul comportamento umano    -   pubblicato l'articolo Joseph Joachim Raff: il compositore dimenticato     -    pubblicato l'audioarticolo B.B. King: il Re del Blues     -    pubblicata la prima parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio    -    disponibile per il Quia Club la seconda lezione del Corso di introduzione alla scrittura giornalistica: Unità 2 Quando un fatto diventa notizia, l'articolo di giornale