Il mito di Pelé: la Perla Nera

Il mito di Pelé: la Perla Nera

Pelé, il calciatore che ha fatto sognare milioni di persone e che ha insegnato a ognuno di noi il rispetto, la bellezza della vita e dei nostri sogni.

È praticamente impossibile scrivere qualcosa su Pelé che non sia stato già scritto. Nato nei quartieri poveri del Brasile, inizia a giocare con una palla fatta di calzini e stracci riempiti di carta. Il nome “Pelé” nasce  dalla presa in giro di un compagno di squadra ma diventa poi il nome con cui il mondo lo apprezzerà anche se appena possibile, ricorderà sempre a tutti che il suo vero nome è Edson. Le poche immagini del periodo in cui giocava, hanno contribuito alla costruzione del mito della maglia numero 10: obiettivamente avere la possibilità di vedere tutti i suoi gol sarebbe stata una vera e propria delizia per gli occhi di tutti gli appassionati.
Pelé è O Rey, il Re del calcio, un talento che anche dopo la carriera (durata dal 1956 al 1977) ha continuato ad alimentare l’immaginario collettivo come il giocatore più forte del mondo: chi durante una qualunque partitella a calcio non ha esclamato verso il giocatore più talentuoso: “Ma chi sei Pelé!?”.
Geniale ed imprevedibile nel modo di giocare, tecnicamente perfetto, ha sempre conquistato tutti con la creatività ed il suo trasmettere la gioia di vivere il calcio senza mai alimentare invidie o polemiche, ma soltanto il piacere di condividere emozioni sportive.
Fedelissimo alla sua Squadra ha sempre giocato in patria nel Santos ad eccezione di una parentesi di fine carriera con gli americani del Cosmos per i quali, più che uno giocatore, era parte di una campagna per la promozione del calcio nell’America del Nord.
Nel 1967 durante una tournée del Santos in Africa, Congo e Zaire fermarono la guerra per vederlo giocare. Bastava la sua semplice presenza in campo per mandare in visibilio qualunque tifoso.

5727391329_c1b2cbc6bc_o

È stato l’unico giocatore ad aver vinto il mondiale per ben tre volte 1958- 1962 – 1970, dove il primo a soli 17 anni. Unico a segnare 1.281 reti da professionista con una media di quasi un goal a partita. A soli 17 anni nel 1958 nella finale contro la Svezia, realizza uno dei gol che laureano i verdeoro campioni del mondo: un palleggio delizioso ed un tiro rasoterra precisissimo, ecco come si presenta al calcio mondiale la Perla Nera Pelè. Il suo modo di giocare incantava compagni di squadra ma anche gli avversari: durante la finale contro l’Italia del 1970, Pelè segna un gol contro Tarcisio Burgnich, probabilmente il difensore italiano più forte di tutti i tempi. Lo stesso Giocatore Azzurro dichiarò : “Lui faceva con i piedi ciò che io facevo con le mani”.
Il suo grande amore è quello che ha sempre dimostrato per il Brasile, di cui è stato ambasciatore dei colori verdeoro nel mondo, amore totalmente ricambiato: il Brasile è Pelé. 
Edson ha recitato anche in sei film: indimenticabile la sua partecipazione in “Fuga per la vittoria” (1981)
con Sylvester Stallone, dove la sua strepitosa rovesciata finale corona il lieto fine del film.
La Fifa nel 2000 lo incorona miglior giocatore del ventesimo secolo anche se la domanda che tutti gli appassionati di calcio si sono sempre posti è se sia stato più forte Pelé o Maradona. Ovviamente non c’è risposta: a me piace pensare che adesso palleggiano insieme ad ogni tifoso che li ha sportivamente amati.

Fabio Morelli

© Riproduzione riservata

Photo credits

pelé” by gabriel.bitar is licensed under CC BY-NC-SA 2.0.

“Reuniòn con Pelé” – Foto con el Presidente is licensed under CC BY 2.0

 

QUIA MAGAZINE CLUB   Febbraio 2024   -   QUIA MAGAZINE È disponibile il numero di febbraio 2024     -     pubblicato l'articolo (con reportage) Italo Calvino, lo sguardo dell'archeologo alla Nazionale di Roma    -    pubblicato il podcast di Kansha La bellezza effimera, apprezzare ogni momento    -    pubblicato l'audioarticolo L'esperimento di Standford sul comportamento umano    -   pubblicato l'articolo Joseph Joachim Raff: il compositore dimenticato     -    pubblicato l'audioarticolo B.B. King: il Re del Blues     -    pubblicata la prima parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio    -    disponibile per il Quia Club la seconda lezione del Corso di introduzione alla scrittura giornalistica: Unità 2 Quando un fatto diventa notizia, l'articolo di giornale