P’Astra: Anno Astrologico 2024, un viaggio nella riflessione karmica

P’Astra: Anno Astrologico 2024, un viaggio nella riflessione karmica

L’anno astrologico, segnato dal percorso del Sole attraverso lo zodiaco, si avvicina alla sua conclusione, portando con sé una serie di influenze celesti che hanno plasmato le nostre vite e le nostre esperienze. Mentre ci prepariamo ad accogliere il nuovo anno, è giunto il momento di riflettere sulle lezioni apprese, le sfide affrontate e le trasformazioni avvenute durante questo periodo celeste. 

Ognuno di noi ha sperimentato una serie di influenze astrali che hanno suggestionato o ispirato il nostro stato d’animo, le relazioni e le decisioni. L’astrologia funge da specchio della vita, riflettendo i cicli naturali e offrendo una lente attraverso cui esplorare il nostro cammino personale. Queste influenze possono aver portato opportunità e crescita, mentre altre potrebbero aver presentato sfide e momenti di riflessione profonda. Ognuno di essi ha contribuito a plasmare la trama della nostra storia personale e ci hanno dato l’opportunità di esaminare attentamente aspetti della nostra vita, di correggere traiettorie e di approfondire la comprensione di noi stessi. Abbiamo imparato a connetterci con la nostra luce interiore, a coltivare la fiducia e a irradiare la nostra autenticità nel mondo.

Mentre concludiamo questo capitolo del 2023, è importante portare con sé le lezioni apprese e le esperienze vissute: prepariamoci ad abbracciare il nuovo anno astrologico con apertura e consapevolezza, pronti ad affrontare le sfide con resilienza e ad accogliere le opportunità con gratitudine.

L’anno si apre con la coda del moto retrogrado di Urano fino al 27 gennaio: il pianeta in questo stadio incoraggia da subito a prendere consapevolezza dell’autenticità individuale di ognuno di noi e a una riflessione importante sulla propria vita. Perché questo, sì, è un anno di riflessione karmica che impone a tutti i segni di guardare il passato per comprendere le lezioni non apprese o risolvere situazioni in sospeso ma anche per liberarsi da schemi e aspettative che la società ci impone di tenere, facendo uscire il nostro vero essere. È un anno che chiede ed esige una riflessione anche sul senso della libertà collettiva e individuale e vedrete che tutti, chi più chi meno, sperimenteranno questa necessità soprattutto a partire dalla metà del 2024. 

L’ultima parte dell’anno potrebbe portare temporanee restrizioni e sfide e questo significa che dobbiamo essere pronti a non scoraggiarci e a rimboccarci le maniche.

Ricordate sempre che le previsioni astrologiche e i sogni, ci mostrano le sfide per la nostra evoluzione e le nostre paure e aspirazioni, ma il futuro, il destino, lo plasma ognuno di noi ogni giorno: a noi rimane sempre la scelta, il libero arbitrio, dono impagabile del Creatore.

La vostra P’Astra

Le informazioni qui contenute hanno esclusivamente scopo informativo e in tal modo devono essere lette.  Non sostituiscono in nessun modo il parere del medico e dei professionisti sanitari abilitati. Ogni uso delle informazioni è da ritenersi sotto la piena responsabilità del lettore.

Potete contattare P’Astra all’indirizzo redazione@quiamagazine.it

© Riproduzione riservata

Photo credits 

Leggi la rubrica P’Astra risponde                                

QUIA MAGAZINE CLUB   Febbraio 2024   -   QUIA MAGAZINE È disponibile il numero di febbraio 2024     -     pubblicato l'articolo (con reportage) Italo Calvino, lo sguardo dell'archeologo alla Nazionale di Roma    -    pubblicato il podcast di Kansha La bellezza effimera, apprezzare ogni momento    -    pubblicato l'audioarticolo L'esperimento di Standford sul comportamento umano    -   pubblicato l'articolo Joseph Joachim Raff: il compositore dimenticato     -    pubblicato l'audioarticolo B.B. King: il Re del Blues     -    pubblicata la prima parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio    -    disponibile per il Quia Club la seconda lezione del Corso di introduzione alla scrittura giornalistica: Unità 2 Quando un fatto diventa notizia, l'articolo di giornale