Oli essenziali: il benessere in una goccia

Oli essenziali: il benessere in una goccia

Gli oli essenziali sono sostanze aromatiche naturali estratti da diverse parti delle piante come fiori, foglie, cortecce e radici. Il loro ruolo nella fisiologia dei vegetali non è stato del tutto chiarito: si è ipotizzato che, tra le tante funzioni, abbiano quella di protezione e di richiamo degli insetti impollinatori. 

Contrariamente a quanto dice il nome, non hanno consistenza oleosa. Sono sostanze altamente concentrate e volatili. La loro efficacia nella cura non è del tutto stata provata, e la scienza è ancora in piena fase di ricerca. In aromaterapia sono utilizzati da secoli per il loro potenziale benefico per la salute e il benessere, sotto forma di applicazione topica (esterna) e ingestione (interna). Questa ultima pratica è tuttavia fortemente sconsigliata per i possibili effetti tossici non ancora pienamente compresi.
L’aromaterapia riconosce agli oli un utilità ad ampio spettro per la cura della pelle e dei capelli, per supportare il sistema immunitario, considerate le proprietà antibatteriche, antivirali o antifungine, per alleviare i sintomi fisici come mal di testa o di stomaco, per il relax e il benessere, e addirittura per la pulizia domestica e la profumazione degli ambienti.

In ogni goccia di olio essenziale risiede la potenza della natura, un elisir aromatico che accarezza i sensi e nutre il corpo, svelando il segreto di un benessere autentico e rigenerante.
Ovviamente non sono sostanze miracolose e la loro azione mostra la sua efficacia nel tempo.
È importante però sottolineare che gli oli essenziali sono sostanze estremamente concentrate e potenti, quindi è necessario utilizzarli con cautela: alcuni possono causare irritazione o reazioni allergiche anche se usati esternamente, quindi è consigliabile fare una prova cutanea su una piccola area della pelle prima dell’uso e farsi consigliare da un professionista qualificato.
Non applicare mai l’olio essenziale sulla pelle ma diluirlo in un olio vettore (come l’olio di mandorle dolci). Una diluzione ritenuta sicura è da 7 a 14 gocce in 50 ml di olio. 

Per l’uso interno è necessario rivolgersi a un medico fitoterapeuta per scongiurare intossicazioni anche molto serie.

Eileen

Le informazioni qui contenute hanno esclusivamente scopo informativo e non sostituiscono in nessun modo il parere del medico

© Riproduzione riservata

Photo credits 

foto di Mareefe

Leggi la rubrica Eileen Risponde

QUIA MAGAZINE CLUB   QUIA MAGAZINE sfoglia la rivista -  pubbicato il focus su L'amore di Dante per Beatrice nella lettura di un sonetto della Vita Nova - pubblicata la terza unità del Corso base di Scrittura Giornalistica - pubblicato l'articolo Oltre la tela: la Lowbrow Art -  pubblicato il podcast Shakespeare, il mistero della sua scrittura  -   pubblicata la terza parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio