Dal pensiero cinese: la vita tra cielo anteriore e posteriore

Dal pensiero cinese: la vita tra cielo anteriore e posteriore

La filosofia cinese è ricca di concetti metafisici che hanno plasmato profondamente la cultura e la spiritualità dell’Estremo Oriente. Uno di questi concetti essenziali è quello del “Cielo Anteriore” (tiānqián) e del “Cielo Posteriore” (tiānhòu). Queste due nozioni si inseriscono nel contesto più ampio del pensiero cosmologico cinese e forniscono una prospettiva unica sull’armonia tra l’uomo e l’universo.

La fondamentale Dualità Cosmica

Nella filosofia cinese tradizionale, l’universo è concepito come una realtà complessa, costituita da dualità complementari. Questa visione dualistica si riflette nel concetto di Yin e Yang, ma si estende
anche alla concezione di Cielo Anteriore e Cielo Posteriore. Questi due cieli rappresentano rispettivamente il mondo celeste e il mondo terreno, e la loro interazione è fondamentale per comprendere il funzionamento dell’universo secondo la filosofia cinese.

Il Cielo Anteriore
Il Cielo Anteriore è associato alla dimensione celeste dell’universo. È considerato l’aspetto divino o spirituale dell’universo e rappresenta l’ordine cosmico e il destino. Questo cielo è eterno e immutabile, è il bagaglio di cui siamo dotati nel momendo dell’incarnazione, e non è modificabile.

Il Cielo Posteriore
Il Cielo Posteriore, d’altro canto, è associato al mondo terreno. Rappresenta il cambiamento e la mutabilità dell’universo. Questo cielo è collegato agli eventi e alle azioni umane, e il suo stato è influenzato dall’etica e dalle azioni degli individui. La gente crede che attraverso le loro azioni possano influenzare il Cielo Posteriore e, di conseguenza, la propria sorte, nel senso dell’evoluzione del proprio spirito che così si rende capace di tornare a casa dopo la morte terrena e dimorarvi in eterno.

L’Armonia tra CIelo Anteriore e Cielo Posteriore
La filosofia cinese insegna che la chiave per una vita armoniosa è l’equilibrio tra il Cielo Anteriore e il Cielo Posteriore. Gli individui devono cercare di vivere in armonia con l’ordine cosmico del Cielo Anteriore e, al contempo, agire per influenzare positivamente il Cielo Posteriore. Questo equilibrio
porta alla prosperità personale e sociale.

Esempi Pratici: La Pratica della Virtù e del Geng Shui
Nella vita quotidiana, l’adozione di un atteggiamento che celebra il rispetto per l’altro e il suo libero arbitrio, è vista come un modo per allinearsi con il Cielo Anteriore, la nostra vera casa. Allo stesso modo, il Feng Shui, l’arte di disporre gli ambienti in modo armonioso, è basato sulla concezione di influenzare il Cielo Posteriore per promuovere la prosperità e il benessere.
Il concetto di Cielo Anteriore e Cielo Posteriore nella filosofia cinese rappresenta una visione profonda dell’universo e del ruolo dell’essere umano al suo interno. Questa dualità cosmica riflette l’idea che gli individui possono avere un impatto sul loro destino attraverso le loro azioni e il rispetto dell’ordine naturale, cercando l’armonia con l’universo e adottando l’amore come guida per una vita significativa.

Il vostro Kansha

Le informazioni qui contenute hanno esclusivamente scopo informativo e non sostituiscono in nessun modo il parere del medico

© Riproduzione riservata

Leggi la rubrica

Kansha risponde

QUIA MAGAZINE CLUB   Febbraio 2024   -   QUIA MAGAZINE È disponibile il numero di febbraio 2024     -     pubblicato l'articolo (con reportage) Italo Calvino, lo sguardo dell'archeologo alla Nazionale di Roma    -    pubblicato il podcast di Kansha La bellezza effimera, apprezzare ogni momento    -    pubblicato l'audioarticolo L'esperimento di Standford sul comportamento umano    -   pubblicato l'articolo Joseph Joachim Raff: il compositore dimenticato     -    pubblicato l'audioarticolo B.B. King: il Re del Blues     -    pubblicata la prima parte dell'audiolibro "La contessa d'Amalfi" di Gabriele D'Annunzio    -    disponibile per il Quia Club la seconda lezione del Corso di introduzione alla scrittura giornalistica: Unità 2 Quando un fatto diventa notizia, l'articolo di giornale